Microprogetti Mozambico


Nampula_Escola_Desmobilizar

La scuola secondaria di Nampula

Sport è salute – campo sportivo per la scuola secondaria di Nampula
Informatica è sapere – computer per la scuola secondaria di Nampula

Nampula è una città del Mozambico settentrionale con una popolazione pari a circa mezzo milione di abitanti. È un centro in rapida crescita, anche grazie alla ferrovia che la collega a Cuamba e che permette il trasporto di merci e persone.

Di pari passo con l’esplosione demografica della città vanno però anche i fenomeni di marginalizzazione: molti giovani lasciano i villaggi per la città alla ricerca di lavoro, ma spesso si trovano a vivere di espedienti, a fare lavori occasionali e mal pagati e ad abitare in alloggi di fortuna.

I missionari della Consolata sono presenti a Nampula da oltre trent’anni; dal 2015 hanno aperto una scuola secondaria bilingue dove gli studenti, ragazzi di età compresa fra i 12 e i 17 anni, possono formarsi sia in portoghese che in inglese.

In Mozambico l’offerta di una formazione di alta qualità è fondamentale perché spesso le scuole pubbliche hanno insegnanti con una preparazione lacunosa e un grado di motivazione estremamente basso, con ripercussioni negative sulla formazione degli studenti che a volte, persino all’università, manifestano difficoltà a leggere e scrivere correttamente.

La scuola, che è aperta e funzionante, necessita tuttavia ancora di adeguate strutture per lo sport come complemento delle attività didattiche e buona pratica per la salute dei ragazzi. La scuola necessita inoltre di attrezzare la sala di informatica con l’acquisto di venti computer.

Intervento: dotare la scuola di un campo sportivo e dei computer per la sala informatica
Beneficiari: gli studenti della scuola di Nampula

PROGETTO COMPLETATO


BiblioVilankulos

La sala di lettura della biblioteca

Potenziamento della biblioteca di Vilankulos

Vilankulos è una città costiera del Mozambico a circa 700 chilometri dalla capitale Maputo.

Nonostante il boom turistico degli ultimi anni – le belle spiagge attirano visitatori specialmente dal Sudafrica e la cittadina dispone di un piccolo aeroporto internazionale – la popolazione locale rimane ancora in gran parte tagliata fuori dai benefici economici derivanti dal turismo. Le attività prevalenti continuano ad essere al pesca e l’agricoltura di sussistenza.

La missione di Vilankulos ha coordinato per molti anni una delle poche biblioteche del villaggio per soddisfare le esigenze di base di studenti e insegnanti, che possono usufruirne per consultare i libri di testo ed altri volumi in un ambiente silenzioso e tranquillo.

La biblioteca ha anche una piccola sala computer che gli studenti possono usare per tutte quelle attività scolastiche che richiedono la digitalizzazione di testi. La stragrande maggioranza degli studenti non ha i mezzi per acquistare un computer perciò è la biblioteca con il suo piccolo centro informatico a fornire questo servizio.

Oggi è necessario rafforzare la sala computer con l’acquisto di un ulteriore pc, potenziare l’offerta della biblioteca aggiungendo libri nuovi e più aggiornati. Occorre inoltre dotare la biblioteca di una toilette per gli utenti.

Intervento: acquisto di un computer, di libri di testo e manuali e costruzione di un bagno.

Beneficiari: gli utenti della biblioteca e della sala informatica

PROGETTO COMPLETATO


CuambaEscolinha

I bambini dell’asilo di Cuamba

Potenziamento dell’asilo di Cuamba

Cuamba è una città della provincia mozambicana del Niassa; il distretto omonimo di cui la città è il capoluogo si estende su un’area di 5.345 chilometri quadrati e una popolazione di 222.800 abitanti. La città sta sperimentando una certa vitalità economica negli ultimi anni, grazie anche al collegamento ferroviario che la mette in comunicazione con un altro grande centro del Mozambico, Nampula (vedi progetti precedenti).

I vantaggi economici derivanti dai commerci, tuttavia, non sono ancora equamente distribuiti. Attualmente, la corrente elettrica raggiunge meno di sette nuclei familiari su cento, mentre due terzi si procurano l’acqua in fiumi e laghi o presso un pozzo a cielo aperto (non protetto). La metà della popolazione fra i 25 e i 49 anni è analfabeta; il dato per la popolazione femminile della stessa fascia di età si aggira intorno al 70%.

L’asilo che i missionari della Consolata gestiscono a Cuamba ha aperto nel 2015. La decisione di avviare la scuola materna deriva dal fatto che i bambini che hanno accesso alla formazione pre-scolare hanno probabilità molto più alte di continuare gli studi. Ad oggi, l’asilo ha sedici alunni di età compresa fra i tre e i cinque anni, che frequentano la scuola dalle 8 alle 16.

L’asilo, con le sue entrate, contribuisce al funzionamento del centro nutrizionale adiacente. Per far fronte alle richieste in costante aumento, la direzione della scuola ha deciso di recuperare due spazi che non erano stati inclusi nella prima ristrutturazione degli stabili e di procedere all’acquisto di banchi, sedie, giochi e materiale scolastico.

Intervento: ristrutturazione di tre sale, acquisto materiale ludico e scolastico

Beneficiari: i sedici bambini dell’asilo e quelli che si aggiungeranno quest’anno

PROGETTO IN CORSO


massanguloasilo

L’asilo di Massangulo

Crescere imparando

La missione di Massangulo, fondata nel 1928, si estende su tutto il territorio del distretto Ngaúma, che ha una popolazione totale di 90,898 abitanti secondo l’ultimo censimento.

L’agricoltura è l’attività dominante e coinvolge quasi tutte le famiglie. È praticata con metodi tradizionali da piccole aziende a conduzione familiare. Le produzioni principali sono mais, fagioli, manioca e arachidi. L’allevamento del bestiame è molto limitato e la principale attività economica al di là dell’agricoltura di sussistenza è il commercio informale.

L’asilo della missione della Consolata ha circa cinquanta bambini iscritti ed è l’unica possibilità di istruzione prescolare in un raggio di oltre novanta chilometri. Ha lo scopo di dare ai bambini una formazione preliminare alla scuola, permettendo l’apprendimento di contenuti didattici e la socializzazione, oltre che un primo approccio alla lingua portoghese, la lingua ufficiale di istruzione in Mozambico.

È inoltre uno strumento per garantire a questi bambini gli standard nutrizionali di base. In questo momento, l’asilo necessita di attrezzatura per la cucina, materiale didattico, uniformi e una fotocopiatrice che permetta la riduzione dei costi della produzione di sussidi didattici per i bambini.

Intervento: acquisto di attrezzatura per la cucina, materiale didattico e fotocopiatrice; confezionamento delle uniformi.

Beneficiari: i cinquanta bambini dell’asilo

PROGETTO COMPLETATO


GuiuaFood

Alcuni dei beneficiari delle attività a Guiua

Pozzo a Guilamba

La Missione di Santa Isabel do Guiua si trova nel Comune di Inhambane a 13 chilometri dalla città omonima e a 480 da Maputo, capitale del Mozambico. Convivono in armonia due gruppi Etnici: i Vatshwa e i Vatonga, con le loro rispettive e differenziate lingue e i diversi usi e costumi.

L’attività predominante è l’agricoltura di sussistenza: i campi sono poco fertili a causa del terreno sabbioso e della scarsità di piogge. Si coltivano soprattutto cocco, arachidi, fagioli, granoturco, manioca.

Forte è il fenomeno dell’emigrazione degli uomini verso il Sudafrica o verso le grandi città alla ricerca di condizioni migliori; le donne restano così spesso sole a reggere il carico dell’economia familiare.

Il villaggio di Guilamba, comune di Jangamo, è uno dei villaggi seguiti dalla missione di Guiua. Vi abitano circa un centinaio di famiglie e il principale problema è la mancanza di accesso all’acqua pulita e affidabile.

Spesso la popolazione utilizza acqua raccolta nelle pozze formate dalle piogge, aumentando il rischio di ammalarsi di dissenteria e altre malattie gastroenteriche.

Intervento: scavo di un pozzo di una ventina di metri e installazione della pompa manuale; un anziano, responsabile del comitato di villaggio, gestirà poi l’accesso all’acqua e i turni comunitari per la manutenzione del pozzo

Beneficiari: cento famiglie di Guilamba

PROGETTO COMPLETATO


laulanecentrofomaçao

Le strutture del centro di formazione

La conoscenza permette una migliore qualità della vita

Laulane si trova nella periferia nord di Maputo; in questo quartiere nella struttura di quello che era un tempo il noviziato, i missionari della Consolata hanno ora creato un Centro di formazione e spiritualità.

Il Centro si trova nelle vicinanze di diverse scuole primarie e secondarie (pre-universitarie), che ricevono un vasto bacino di studenti e insegnanti. Come quasi tutte le istituzioni formative in Mozambico, anche quelle di Laulane hanno diversi problemi dovuti al sovraffollamento delle classi e alla spesso inadeguata formazione degli insegnanti, elementi che compromettono seriamente la qualità della formazione.

Nell’ottica di fornire alla popolazione del quartiere un servizio in ambito formativo che permetta di colmare le lacune dell’insegnamento pubblico, i missionari hallo ideato una serie di iniziative che coinvolgono persone in varie fasce d’età.

Questo progetto è rivolto in particolare a bambini in età scolare, ai quali verranno proposti approfondimenti in materie specifiche (matematica e portoghese); inoltre saranno coinvolte ragazze e donne interessate a ricevere una formazione professionale oltreché sulle buone pratiche igieniche da applicare in ambito domestico.

Intervento: acquisto di libri, materiale didattico, macchine per cucire, vasi per la coltivazione di piante officinali, oli per la produzione di pomate; tinteggiatura, arredamento di una sala di lettura.

Beneficiari: cinquanta bambini in età scolare e venti ragazze e donne

PROGETTO COMPLETATO


Alcune immagini delle attività realizzate

Il pozzo a Guilamba

L’asilo di Massangulo con il nuovo materiale

La sala computer a Nampula

Il campo sportivo a Nampula

La costruzione dei bagni a Vilankulos

Le attività con i ragazzi a Maputo