Colombia


La carta della Colombia (fonte: Google Maps)

La carta della Colombia (fonte: Google Maps)

Leggi il dossier Missioni Consolata di novembre 2016 sulla Colombia 

La Colombia è uno Stato che si trova nella parte nordoccidentale dell’America Latina. È grande circa quattro volte l’Italia e confina con Venezuela, Brasile, Perù, Ecuador e Panama. Ha 46 milioni di abitanti ed è il terzo stato più popoloso dell’America Latina dopo Brasile e Messico.

Colonia spagnola fino al 1819, è oggi la quarantatreesima economia del pianeta (dati FMI 2016); i prodotti principali sono caffè fiori, smeraldi, carbone e petrolio. Si trova all’87° posto nella lista dei Paesi per indice di sviluppo umano e ha un PIL pro capite (a parità di potere d’acquisto) pari a 13.833 dollari americani. L’aspettativa di vita si aggira intorno ai 77 anni per le donne e ai 70 per gli uomini, mentre il tasso di fertilità è pari a 2.3 nati vivi per donna. Quasi un terzo della popolazione ha meno di 14 anni.

Dalla fine degli anni Sessanta, il Paese ha subito il sanguinoso conflitto armato che ha visto combattersi su opposti fronti l’esercito regolare, le Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia – Ejército del Pueblo (FARC-EP) e le forze paramilitari, sullo sfondo del traffico internazionale di droga (in particolare cocaina).

Alla fine del 2012 si è aperto un nuovo negoziato di pace tra il governo colombiano e la guerriglia delle Farc a oltre dieci anni di distanza dal fallimento dei dialoghi del Caguán, svoltisi tra il novembre del 1998 e il febbraio 2002. L’accordo finale è stato siglato nell’agosto del 2016 e ora la Colombia sta attraversando la delicata fase della messa in atto degli accordi.

La commissione ONU per i rifugiati (UNHCR) calcola che i rifugiati (o i membri di altri gruppi all’attenzione della Commissione) sono oltre i tre milioni e trecentomila. Nella tabella di seguito sono riportati alcuni dati salienti del Paese:

ColombiaStats

La Colombia ha un’economia di stampo liberista e intrattiene forti relazioni commerciali e finanziarie con gli Stati Uniti, dei quali è oggi il principale alleato nella sub-regione. Il Paese sta sperimentando tassi di crescita piuttosto elevati, i più alti della media della regione America Latina e Caraibi.
I prodotti principali per l’esportazione (principalmente verso USA, EU, Cina, Nazioni andine, Cile, Venezuela e Brasile) sono petrolio, caffè, carbone, nickel, smeraldi, abbigliamento, banane e fiori recisi.
La Colombia importa invece attrezzature industriali e per i trasporti, prodotti chimici, beni di consumo, carta, carburanti e elettricità (soprattutto da USA, Cina, Messico, Brasile, Francia e Germania). Nonostante i sostenuti tassi di crescita e l’economia relativamente fiorente, la Colombia presenta sacche di povertà che interessano specifiche zone (periferie urbane, foresta) o gruppi umani particolari (afro-discendenti e indigeni). Questi gruppi e aree sono tagliati fuori dai circuiti economici principali; indigeni e afro-discendenti si trovano spesso a di dover vivere di espedienti (non da ultimo attività legate alla criminalità) se vivono nelle zone urbane oppure a praticare agricoltura di sussistenza nelle zone rurali.

Leggi maggiori dettagli sulla Colombia nell’articolo della rivista Missioni Consolata sul processo di pace, il racconto di viaggio a Remolino (prima e seconda parte) e il più recente La pace bussa due volte sulla messa in atto degli accordi di pace.

Visita i nostri progetti in Colombia

Musica e artigianato contro la guerra
Microprogetti 2016 – Colombia