Popoli indigeni


malocaAereo

Da oltre cinquant’anni a Catrimani e Raposa Serra do Sol (Amazzonia brasiliana), da poco meno nel Cauca (Colombia), nel Chaco e a Oran (Argentina) e a Tucupita (Venezuela): la storia del lavoro dei missionari della Consolata con i popoli indigeni è cominciata negli anni Sessanta e ancora oggi è una storia di scoperta, condivisione, lotta per i diritti.

Dalla campagna Uma vaca para o Indio a Raposa al Progetto Nasa a Toribio alla promozione dei diritti dei Tupì Guaranì nel Chaco, l’impegno dei missionari è stato quello di accompagnare le comunità nelle loro iniziative per denunciare gli abusi, far valere il proprio diritto alla sanità, all’istruzione, alla preservazione della lingua e della cultura indigena e amplificare la loro voce che chiede terra e dignità.

Molte delle attività con i popoli indigeni, oltre che nella formazione professionale o nel sostegno all’avvio di attività generatrici di reddito quando richiesti dalle comunità, consistono nella sensibilizzazione in loco, nella copertura dei costi per consulenza legale da parte di esperti nel caso di violazione dei diritti degli indigeni, nel supporto all’organizzazione delle campagne o delle riunioni di coordinamento, nella valorizzazione della cultura indigena attraverso ricerche sulla cosmogonia, sulle tradizioni, sul rapporto con la natura.

Vuoi aiutarci?

Con 10 euro puoi regalare una scatola di penne per gli incontri comunitari
Con 30 euro puoi permetterci di acquistare l’olio per il motore delle barche
Con 50 euro puoi aiutarci a comprare un registratore per raccogliere le testimonianze degli indios sulla loro cultura
Con 60 euro puoi coprire i costi di piccole pubblicazioni informative
Con 100 euro puoi contribuire al salario di un consulente o di un esperto
Con 500 euro puoi offrirci un volo in taxi aereo, unico mezzo disponibile per raggiungere le terre indigene più isolate.


I nostri progetti con i popoli indigeni:


Popolazioni indigene
Una classe di bambini yanomami

MAESTRA FORESTA

Catrimani, Roraima, Brasile

Il Roraima è uno stato del Brasile settentrionale al confine con Venezuela e Guyana, nella regione di Amazonas. Con una popolazione di quattrocentomila abitanti e una densità media di 1.8 abitanti per chilometro quadrato, lo stato di Roraima è il meno popolato della federazione.

Ha quindici municipalità e la sua capitale è Boa Vista. Il nord dello stato è caratterizzato da vaste vallate erbose, che diventano savana nella zona orientale, e dai rilievi della catena del Pakaraima. Il Monte Roraima, la sua vetta più elevata (2.810 metri), si trova in Guyana.

Vai al progetto

Leggi su Missioni Consolata il dossier in quattro puntate sugli yanomami


La fase di start up del progetto, con l'arrivo delle prime macchine per cucire
Donne warao durante uno dei corsi

FORMAZIONE DELLE DONNE WARAO

Tucupita, Venezuela

Lo stato di Delta Amacuro è uno degli stati del Venezuela; la sua capitale è Tucupita. È situato nella parte orientale del paese e circa la metà della sua superficie (20.000 km2 su 40.200) è occupata dal vasto delta del fiume Orinoco all’interno del quale si trovano numerosissime isole formate da depositi alluvionali e separate fra di loro da diversi canali navigabili.

Regione ricoperta da una fitta coltre di vegetazione, è abitata da alcune migliaia di indios Warao. Le attività economiche principali sono la pesca, l’allevamento e le attività legate alla raffinazione del petrolio.

Vai al progetto

Leggi Odissea warao, il reportage in tre puntate sulla migrazione warao